giovedì 17 dicembre 2009

Chelsea Quinn Yarbro, "Giochi di Sangue"

Titolo: GIOCHI DI SANGUE (Blood Games)
Autore: CHELSEA QUINN YARBRO
Anno: 1979
Edizione italiana: GARGOYLE BOOKS, 2006
Traduzione: FLORA STAGLIANÒ
Copertina: GRAFEMA
ISBN: 88-89541-19-9
Pagine: 736
Il terzo romanzo della scrittrice americana Chelsea Quinn Yarbro dedicato all’affascinante Conte Saint-Germain è ambientato nella Roma Imperiale.

Franciscus Ragoczy è l’impresario di una compagnia di artisti circensi, attività che, ai tempi di Claudio e, soprattutto, di Nerone, si rivela oltremodo redditizia considerando i gusti del popolo romano cresciuto a “panem et circensis”. Perfettamente integrato nella società del tempo, Franciscus si limita ad organizzare corse di bighe e spettacoli equestri, accattivandosi il consenso di personaggi di spicco della politica del tempo. La necessità di non destare sospetti sulla sua natura vampirica mimetizzandosi con gli abitanti dell’Urbe, comporta un notevole sforzo, da parte di Franciscus, per non palesare il disgusto che prova nei confronti degli abietti costumi della società, mai sazia di vedere scorrere il sangue nelle arene del Circo.
Franciscus, che di sangue si nutre, soddisfa le sue necessità con Atta Olivia Clemens, una sfortunata donna costretta a maritarsi con un ricco senatore dal quale non riceve altro che abusi e maltrattamenti. La donna trova sollievo solo tra le braccia del misterioso straniero, capace di donarle sensazioni estatiche.
Nonostante i suoi sforzi per tenersi lontano dagli intrighi politici, Franciscus diventa oggetto di sospetti da parte del Senato, innanzitutto per la relazione con Olivia e, in secondo luogo, per aver soccorso Rogerius, un servo abbandonato dal suo padrone dopo essere stato percosso a morte. Il vampiro, dopo un sommario processo, sarà condannato a esibirsi davanti al pubblico del Circo Massimo, che freme dal desiderio di vedere un uomo sbranato dalle belve.

Come sempre, la ricostruzione storica operata dall’autrice si rivela coerente e dettagliata, e consente al lettore una totale immersione nell’atmosfera del tempo, soprattutto grazie alla meticolosa attenzione ai dettagli che non si ferma all’abbigliamento, ma tocca tutti gli aspetti della vita, non ultima l’alimentazione.
In questo terzo volume vediamo la nascita di alcuni personaggi che hanno avuto un ruolo importante nelle vicende narrate nei precedenti, Olivia come autrice e destinataria di un intenso rapporto epistolare, e Roger il fedele servitore dal quale Saint-Germain non si separa mai.
Saint-Germain ci appare più riflessivo, combattuto tra sentimenti contrastanti ed emozioni che emergono prepotentemente.
Lo stile della Yarbro è superbo, la trama è incalzante e non vi sono cadute di pathos. Illuminanti i brani epistolari, di contabili e diplomatici, inseriti fra ogni capitolo, che, seppur apocrifi, suggeriscono una notevole veridicità.

Risorse Web:
Chelsea Quinn Yarbro sul catalogo Vegetti
Gargoyle Books
Scheda di Giochi di Sangue
 

1 commento: